NON ARRIVATE, COME ME, A VERGOGNARVI DI AVER AMATO

Una riflessione personale…

Non amare una donna che non ti ama, anche se il tuo cuore è un pozzo senza fondo a cui lei attinge per comodità, per convenienza e mai per un sorsetto d’amore

Non amare una donna che non sa amare anche se daresti la vita per lei, lei non solo non la darebbe mai per te, semplicemente non è in grado di darti niente e per un anno e mezzo non ha saputo darti niente

Non amare una donna che se ti allontani una volta da casa, per due mesi appena, per lavoro ha già capito che non sei l’uomo della sua vita

Non amare una donna che scambia il fare regali con il dare amore, che per un anno e mezzo non è mai stata capace di un gesto di amore sciocco e semplice e poco costoso come una carezza o sei bello (anche se non lo sei sul serio) o quando non ci sei mi manchi e cose del genere, ma che più spende più si sente amorevole

Non amare una donna che non dice mai ti amo, neanche il più pezzente forzato ti amo, neanche per sbaglio, mai una volta

Non amare una donna che non ti ha mai dato un bacio e un abbraccio spontaneamente, ma solo per effetto dei tuoi gesti d’amore, te li restituisce senza convinzione, senza trasporto

Non amare una donna che regala un biliardo, un tablet, uno smartwatch e non ha mai saputo donare un ti amo amore o non farmi preoccupare… che sono i regali più belli

Non amare una donna che dice io mi trasferisco se vuoi e tu le rispondi che non vuoi farlo perché non perda il lavoro, per non farla allontanare dai suoi affetti, dalle sue passioni, dai suoi amici e ciononostante ti rimprovera, rimprovera il tuo enorme amore per lei… ti rimprovera quando non le vuoi far pagare mai nulla pensando che la vita insieme a lei durerà fino alla morte, sei felice che possa conservare i suoi soldi (pensate quanto può essere stupido un uomo)… ti rimprovera che se una città non ti piace perché razzista e non si trova lavoro sei colpevole di lamentartene e intanto rinunci a lavori importanti solo per restarle accanto e scoprire col tempo che perderai tutto per un’immatura che non vuole crescere, perderai lavoro e ‘amore’

Non amare una donna che se le dici di continuo sei bella, che vuoi sposarla (per gioco perché lei non ci pensa nemmeno, ma mica tanto per gioco pur odiando io l’istituzione), che vorresti un figlio da lei… si fa continue beffe di te perché ha sempre saputo di non amarti, mentre tu infinito sciocco non hai interrotto prima un così mediocre squallido rapporto perché hai fatto troppo affidamento sul tuo grande modo di amare, di dare… ma non si ama da soli, si ama in due, io ho amato da solo e sono stato continuamente deriso, ho sempre creduto che la grandezza del mio amore avrebbe riempito le sue paurose lacune ma ho commesso un errore madornale ed è giusto adesso che lo paghi con l’amarezza mentre lei gode che io sia finalmente sparito

Non amare una donna che non ti difende da niente e da nessuno, anzi ti rimprovera perché ti lamenti degli insulti ricevuti dai suoi parenti, la tua colpa è essere meridionale

Non amare una donna che non ti chiede mai sei arrivato? stai bene? sapendo che viaggi di notte, una che non si preoccupa una sola volta per la tua incolumità

Non amare una donna che proteggi sempre, per cui ti preoccupi costantemente e proprio per questo permette alla madre di deriderti e ti riprende perché lo trova fastidioso

Non amare una donna che in un anno e mezzo ti ha messo sempre da parte perché ogni giorno deve fare qualcosa di frivolo, cioè divertirsi, e si ricorda che hai una consistenza solo quando fa ritorno a casa e non ricorda mai che si dovrebbe fare ogni tanto qualcosa di più serio che fare colazione o andare a teatro, si dovrebbe parlare di vita insieme… ma io e lei pur vivendo insieme eravamo sempre distanti, una distanza dal nome ‘Mancanza d’amore’

Non amare una donna che ti accusa di non aver mantenuto la promessa di comprare una casa nostra e finge di dimenticare che ogni volta che le parlavi di casa cercava soltanto un posto per il cane senza il più miserabile interesse per una vita insieme, senza la più minuscola gioia…. per quanto si possa amare il proprio cane, come si può pensare che la donna che dovrebbe amarti ritiene più importante la cuccia del cane di te… significa essere una nullità per lei e infatti così è stato

Non amare una donna che dopo pochi giorni che condivide la sua vita con te ti porta a conoscere la famiglia e in quelle due ore si dimentica del tutto che sei accanto a lei, mentre chiedi triste a te stesso, angosciato se realmente può amarti una persona che si distanzia da te, ti perde

Non amare una donna che pochi giorni dopo, passeggiando col cane, ti vede cadere rovinosamente a terra e sanguinare e si disinteressa del tutto delle tue condizioni e si preoccupa di qualunque cosa esista lì attorno tranne che di te e dopo un chilometro e mezzo ti chiede se va tutto bene, mentre ancora una volta angosciato ti domandi chi stai amando, come può una donna che ti ama non ‘vederti’, come può una donna che ti ama essere così indifferente

Non amare una donna che non parla mai di un progetto di vita insieme, perché deve andare a colazione oggi con la madre, domani a teatro, dopodomani dal cane, il giorno seguente dall’amica e ti lascia sempre, ogni dannato giorno, solo a chiederti il motivo per cui con tutti è gioiosa come una pasqua e con te è un quotidiano mistero

Non amare una donna che quando trova svogliatamente uno spazio da concederti per fare un viaggetto con lei o comunque stare sola con te ti accompagna con un muso di cane e piena di noia, mentre tu povero deficiente ingenuo sei gioioso come un bambino ma ti rendi conto attimo dopo attimo quanto stare vicino a lei significhi stare da solo

Non amare una donna che non ha mai voglia di fare l’amore con te, perché a te preferisce uscire, preferisce leggere, preferisce i parenti, preferisce tutto questo dannato mondo dove tu sei fuori ad aspettare, una donna che ti sta accanto nel letto e ogni volta che ti avvicni prova fastidio

Non amare una donna che ha l’assurdo coraggio e faccia tosta di dirti dopo un anno e mezzo ho capito che non abbiamo niente in comune, dopo un anno e mezzo! Questo è prendere in giro una persona che se pur non ami ti sta amando davvero tanto e almeno un pò di rispetto glielo devi cazzo

Non amare una donna che ha l’assurdo coraggio e faccia tosta di dirti dopo un anno e mezzo che sei pieno di difetti, come pure lei dice, solo che i tuoi difetti a differenza dei suoi sono insopportabili, dopo un anno e mezzo! Dire una frase del genere è a dir poco ignobile, ma come si fa a dire una cosa simile a qualcuno che finora ti ha trattato come una divinità? Come si può essere così vuoti e crudeli a arroganti quando le tue quotidiane porcherie superano persino la vera bruttezza…. davvero la donna più brutta dentro che abbia mai avuto la sfortuna di incontrare… ma come ho potuto amare una donna così vuota?

Non amare una donna che dice l’amore tra un uomo e una donna può finire (ed è verissimo, ha ragione)… il punto è che non è mai iniziato nulla, non ha mai minimamente dimostrato di amarti, rispettarti, starti vicino, proteggerti, interessarsi a te, condividere con te un percorso e ha l’assurdo coraggio e faccia tosta di rendersene conto dopo un anno e mezzo, dopo un anno e mezzo!

Non amare una donna che dice a te sei pieno di veleno e di conseguenza sei un errore umano ma se il veleno sgorga dalla sua famiglia è accettabile, normale, perdonabile, insignificante, giusto

Non amare una donna che dice sei pieno di difetti, non c’è idiozia più grande di una frase del genere, non c’è mancanza d’amore più grande in una frase del genere, non c’è il più sbiadito rispetto in una frase del genere, non c’è alcuna umiltà in una frase del genere, perché una frase del genere si dice quando tu per qualcuno sei stato una totale nullità e tu invece credi di essere perfetta, che i tuoi di difetti non arrecano danno… e invece una donna così è un gigantesco danno ma non se ne rende conto, perché non sa vedere e servire altro che sé stessa

Non amare una donna che ti mette all’ultimo posto in ogni situazione, in ogni condizione, con qualunque persona, con tutto quanto e se te ne lamenti per un anno e mezzo dice che sei una persona avvelenata che deve trovare pace in sé per guarire e comprendere… una donna del genere che dice una cosa del genere non può rendersi conto di cosa vuol dire amare, non può rendersi conto di quanto sia distruttiva la sua presenza, di quanto vuoto sia il suo cuore, di quanto menefreghista ed egoista sia il suo intero essere, perché ciò che conta è il proprio benessere, perché se è vero tutto questo veleno è a causa della sua immane indifferenza, menefreghismo, totale mancanza d’amore e di rispetto

Non amare una donna che ti accusa di non avere interessi uguali ai suoi, la bellezza della vita è la diversità, ma chi è stata cresciuta con pregiudizi verso i meridionali come può comprendere una cosa tanto bella? Questo è essere limitati, non saper vedere oltre il proprio naso (però fai abbuffate di libri di psicologia)… una donna che ti molla perché non ti piace Tiziano Ferro (e te credo, la vita è già triste), perché non ami Criminal Minds (se io mi lamento sono pesante, questi telefilm invece ispirano pace e allegria, mah, non ci sono parole!)… perché non segui i video che lei fa con una compagnia di attori, ve lo giuro, delle folgoranti cagate, senza la minima originalità e soprattutto non fanno ridere neanche sotto sforzo…. a quel punto una domanda te la fai, lui è innamorato di me ma perché non mi segue? Cazzo un po’ di autoanalisi, sei un’artista, forse ciò che credi una gran cosa forse non lo è… no ma c’è questa puttanata colossale che le cose in comune rafforzano l’amore, il rapporto, a me se chi mi ama non sopporta ciò che scrivo, non ama Bob Dylan o camminare, odia la Puglia non me ne frega niente, io voglio te non Bob Dylan! Chi fa una simile affermazione è solo molto superficiale, ma come si può lontanamente pensare di rompere un rapporto per questo? Quanto è bello essere diversi, se la mia donna fosse uguale a me la caccerei a pedate! Immaturità di chi è rimasta una bambina, una bambina cresciuta che ha una visione distorta della vita, misera, vuota…. però è vero che l’importante è esserne soddisfatti… purtroppo quando hai questo senso di superiorità, credere che i tuoi difetti sono accettabili rispetto a quelli altrui, che le tue passioni devono essere quelle di tutti, credere che se il male proviene da te è corretto ma se proviene da altri è veleno è deprimente, ma in questo caso la giustifico perché se la sua famiglia crede ancora che ci siano persone inferiori ad altre non ne ha colpa, è stata cresciuta con queste convinzioni squallide. Ne ho conosciute di donne immature, ma questa… tanta tanta tanta immaturità, non avere idee proprie ma farsele suggerire dalla famiglia….

Non amare una donna che ammette finalmente dopo un anno e mezzo di non amarti, perché hai insistito per mesi con domande e dubbi e lamenti (Dio quante prese in giro!), che una sola volta ti sei allontanato da lei e ha capito che non ti amava… sono tornato dopo due mesi di lavoro, mi ha visto e la prima cosa che ha fatto è stata abbracciarmi e piangere, abbiamo fatto sesso (purtroppo l’amore non lo abbiamo mai fatto), siamo stati ancora un paio di mesi insieme ma dopo il primo giorno di ‘coccole’, pur vivendo insieme, eravamo già ritornati completamente estranei, cioè come al solito lei viveva la sua vita mentre io vivevo la nostra… finché un giorno se ne va via per dieci ore e si ricorda che esisto quado mi avverte che sta tornando a casa… se per un anno e mezzo non le è fregato nulla di me, adesso sono invisibile… ho detto che mi deve dire una volta per tutte che non le importa niente di me e finalmente ammette tutto, ma qui nasce un altro ennesimo schifo… lo aveva capito durante la mia assenza, per l’ennesima volta si è presa gioco di me, ha giocato con la mia vita, i miei sentimenti, mi ha usato ancora e mi ha buttato via, ha preso ciò che le faceva comodo e ancora una volta, come lungo tutto questo tempo, mi ha calpestato

Sì mi vergogno di amare in questo modo totale, esagerato, mi vergogno di aver amato una donna simile, mi vergogno profondamente di me stesso… l’ultima volta mi disse se vuoi odiami, ma lei non merita un sentimento così profondo e importante, puoi odiare chi ti ama e ti rispetta, non puoi odiare senza amore… è una donna che mette al primo posto i suoi interessi e se tu servi questi interessi può darsi che ti voglia accanto, altrimenti ti elenca una serie assurda di scuse inverosimili perché tu ti tolga dalle scatole… provo solo un’abissale amarezza per aver ancora una volta amato troppo qualcuno così privo d’amore e di rispetto… la cosa strana è che non provo rabbia verso lei, nonostante tutte le schifezze subite, non provo senso di vendetta, provo solo disgusto, indifferenza e una profonda amarezza per il mio ripetere sempre gli stessi errori, il mio non imparare mai dal passato e questo sì che mi fa rabbia…vi prego voi che conoscete il vero amore e lo praticate, vi prego fate in modo di non arrivare mai a vergognarvi di voi stessi, a vergognarvi di aver amato una donna che non vi ama, a differenza mia abbiate cura di voi, perché ne soffrirete solo voi, una donna del genere potrà solo gioire per la vostra ‘morte’… non arrivate, come me, a vergognarvi di aver amato, perché è davvero triste e doloroso. Non è perdere una donna così perdere, ma averla conosciuta, questo è perdere! Mi spiace tanto per me, davvero tanto, non meritavo questo, a volte mi faccio pena, non meritavo una donna così, ma è la vita e il mio modo di amare è questo… pazienza!

Sono stufo stufo stufo marcio di dare dare dare dare dare a donne che sanno solo prendere e non sanno dare niente! E alla fine ti buttano via come spazzatura fottendosene completamente del dolore che provocano, conta solo la loro felicità. Io sono quello che protegge prima la felicità degli altri e questo mi rende un sensazionale idiota!

Siamo stati due errori che si sono incontrati, io un grande errore per lei, lei un erroraccio per me, il peggiore della mia vita… in 46 anni non mi sono mai pentito delle esperienze negative, perché devono esserci, ci sono, è la vita, mi hanno fatto crescere, mi hanno rafforzato, erano utili e necessarie, ma è la prima volta in tutta la mia esistenza che giudico un’esperienza, una brutta brutta esperienza, come da cancellare totalmente (anche se non si può), se fosse possibile buttare via la memoria di questo anno e mezzo lo farei all’istante, senza pensarci mezzo secondo… si può non amare qualcuno o lo si può amare mediocremente, superficialmente e poi stancarsene, succede sempre, è successo a tanti, fa parte dell’essere umani, ma mai ci si deve prendere gioco dei sentimenti altrui, perché le conseguenze negative sono tutte a carico di chi ama e molta gente è arrivata a togliersi la vita a causa del menefreghismo del partner… si può anche scoprire dopo del tempo che credevi di amare qualcuno ma invece ti sei resa conto che non lo hai mai amato, ci sta, succede, non è colpa tua, ci hai provato, lo hai fatto con sincerità, ma di sicuro non ci metti un anno e mezzo per rendertene conto, questo non esiste, è inaccettabile, è egoismo puro… puoi essere una bambina adulta per tutta la vita, puoi essere immatura e pretendere che uno ami ciò che tu ami, puoi essere una che considera i propri piaceri sopra ogni altra cosa, puoi mettere la famiglia al primo posto, persino il tuo cane al posto di chi dici d’amare, puoi mettere prima del tuo presunto amore il teatro e gli amici, puoi dimenticarti che esiste il ‘tuo’ uomo lamentoso (a causa del tuo atteggiamento egoista) ogni giorno e poi rinfacciargli il suo veleno, puoi rinfacciargli i suoi difetti… ma non puoi continuare a prenderti gioco di lui per un anno e mezzo, perché un anno e mezzo è tanto tempo e basta un mese per capire se ami qualcuno e ce ne vogliono al massimo due per capire che non lo sopporti… né ho incontrate di pessime persone e brutte donne, lei è bellissima non c’è dubbio, può avere qualsiasi uomo ‘ai suoi piedi’, ma in 46 anni lo giuro, non ho mai incontrato tanta miseria interiore, tanta limitatezza mentale, tanto menefreghismo ed egoismo e tanta mancanza d’amore, tanta immaturità in una singola persona e fa molto male sapere che proprio una persona del genere è quella a cui hai donato l’amore più grande, un amore spropositato, un amore sprecato, già un amore sprecato… quando una mia ex dopo otto anni di rapporto mi disse che l’amore si era esaurito la compresi, niente rancore o senso di vendetta o rabbia, solo comprensione, ma questo è successo perché mi aveva voluto sempre bene, mi aveva sempre rispettato, mi aveva sempre protetto (guai se un parente parlava male di me), mi aveva sempre coccolato, mi aveva sempre messo al primo posto…. invece qui ero l’ultimo sempre, a volte inesistente….

La sua grande fortuna è non rendersi conto di chi è interiormente, essere convinta di essere una donna straordinaria, perché piace agli uomini, altrimenti piangerebbe tanto, troppo per la sua disonestà interiore verso sé e gli altri, altrimenti capirebbe una volta per tutte cosa significa far soffrire chi le dona il proprio amore. Buon per lei che non lo scoprirà mai, perché da sola non è in grado di capirlo!

Si ricomincia tutto daccapo.

Ciao…

Domenico Adonini

Precedente

Lascia un commento